A tu per tu io e te

Ciao e ben arrivata/o all’interno di questa idea strana che mi è venuta in mente. Mi chiamo Vanessa e sono una psicologa. L’idea di questa mini-rubrica “A tu per tu io e te” nasce dal desiderio di avere un contatto più intimo e ravvicinato tra di noi. Non sono molto portata per i social e seguo poco le mode del momento. Non riesco a dire o fare qualcosa solo per ottenere gradimento. Ma so ascoltareso accogliere e accettare. Che poi è qualcosa di tremendamente silenzioso e sottile che se non ci fai caso, nemmeno te ne accorgi.

Mi immagino una chiacchierata informale, di quelle che mettono a proprio agio e fanno sentire di essere nel posto giusto: da una parte una persona parla di sé, del momento che sta vivendo e delle emozioni che sta provando e dall’altra parte una persona che la ascolta, che le è vicina empaticamente e che si prende cura di lei. Ecco, mi piacerebbe aiutarti a venire fuori dalla situazione che ti blocca o da quella circostanza che ti impedisce di stare bene con te stessa/o.

La psicologia per me ha sempre profumato di bello. Mi è sempre piaciuta leggerla, studiarla, ascoltarla e impararla dai grandi. Quelli bravi, quelli che sanno fare tante cose.

 Il mio intento, quindi, è di condividere con te alcune riflessioni e punti di vista per farti vedere coi miei occhi quello che amo e che svolgo con passione e determinazione. E perché no, anche di farti avvicinare a qualcosa che a molti spaventa o vedono con pregiudizio. Non mi metterò a spiegare o a interpretare. E ancora meno a giudicare.

La formazione ha rivestito un ruolo fondamentale per me in questi anni e la possibilità di praticare il lavoro che riempie la mia vita per me è un dono. Non spaventarti troppo se sentirai questa parola e simili ma io non posso fare a meno di essere ottimista, fiduciosa nei confronti della vita e pensa un po’, anche grata.

Non che non ci siano stati ostacoli o intoppi durante il percorso ma la felicità e il voler arrivare al mio obiettivo hanno sempre prevalso. Dal mio punto di vista, la psicologia è una vocazione, un’attitudine, un modo di fare e di essere. Non puoi certamente improvvisare nulla, anzi presuppone uno studio serio e tanta dedizione. Le difficoltà che ho incontrato hanno lasciato cicatrici rimaste ben impresse dentro di me ma non mi hanno scoraggiata perché ho sempre avuto chiaro in mente quale fosse il mio obiettivo e sarei felice di aiutarti a trovare o a raggiungere il tuo, sarei felice di guidarti se per un tratto del tuo percorso hai smarrito la strada. Perché gli impedimenti spesso capitano senza andarli a cercare e vergognarsi di chiedere aiuto è fare un torto a sé stessi. Non sei debole, vuoi solo farcela e io posso aiutarti in questo.

Tornando al concetto di condivisione, non posso non condividere con te una cosa che ho imparato bene: nelle scelte importanti e serie, non servono mattate di impulsività o scenate da super uomo. Quello che serve è avere qualcuno accanto a te che ti conosca molto bene e sappia consigliarti in caso di tua indecisione e poi fare affidamento a quello che ti dice la tua pancia. Esatto, hai capito bene, non va solo riempita di cibo, va anche riempita di senso. Lei sarà la prima (prima ancora del tuo cervello!) a trasmetterti delle sensazioni e delle intuizioni utili. E poi, ultimo ma non meno importante (anzi) devi conoscerti tu in primis per capire dove orientarti e  prenderti la responsabilità di quello che deciderai di fare. Perché ti sto dicendo questo? Perché per esempio una scelta importante per me è stata capire cosa fare da grande. Scegliere significa anche rinunciare e impegnarsi a seguire una direzione (che può ramificarsi ma deve comunque essere coerente per dare frutti). Dentro di te c’è talmente tanto potenziale, tante risorse, tanto di buono che se non usato un giorno potresti rimpiangerlo.

Io sono la prima a credere in te, sono la prima a credere nelle cose belle e nel buono che una persona può costruire. Scegli quello che ti piace, scegli quello che ti motiva e che ti appassiona. Scegli quello che sai che ne vale la pena. Ma scegli. E ogni mattoncino potrai usarlo poi per creare il tuo bellissimo palazzo. Quindi non farti scoraggiare dagli altri, non dare retta a quelle voci che ti vorrebbero “piccolo”. La felicità siamo noi a costruircela.

Quello che vorrei averti trasmesso, a prescindere dall’età, dal sesso, dal colore,  è la certezza che dentro di te ci sia qualcosa per cui andare avanti, per cui essere fiero/a, qualcosa che ti fa sognare ma che forse proprio per questo ti spaventa.

Questa prima mini-rubrica introduttiva l’ho scritta per prenderti per mano e portarti in alcuni posti per me familiari e per regalarti spunti di riflessione. Spero di essere riuscita nel mio intento e che leggerai anche la mia prossima rubrica. Nel frattempo, se hai voglia puoi scrivermi i tuoi commenti o i tuoi pensieri relativi alla tematica affrontata qui o anche di altra natura.

Mi trovi sui social (Facebook e Instagram) per seguire e leggere i miei contenuti. Grazie per il tuo tempo.

A presto, V.

3 pensieri su “A tu per tu io e te

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *